© 2019 by diagonale libro/galleria

Proudly created with Wix.com

ROMA

VIA DEI CHIAVARI 75 00186

Tel: 066879921

      +39 3661386033

      +39 3935112321

marco balzarro  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         zig, 2019

 

                                                                                                                           

Giovedì 13 febbraio alle ore 18.30 la diagonale/ librogalleria è lieta di presentare la mostra di Marco Balzarro con sculture in acciaio e un grande lavoro su tela. 

Come dice Paola Bonani in catalogo: “Balzarro ha un lungo percorso alle spalle durante il quale ha lavorato incessantemente. «Non amo elencare dati biografici precisi, essere fotografato e targato», ha scritto molti anni fa e su questa avversione alle cronologie e alle definizioni ha plasmato tutta la sua esistenza e la sua opera, tanto da decidere, ad un certo punto, di allontanarsi completamente dai clamori della ribalta e continuare del tutto isolato la sua ricerca. Un artista però, ha scritto Paul Klee, è come un albero che ha delle radici da cui trae nutrimento per poter dare i suoi frutti. Le radici della ricerca di Balzarro affondano nel vivo panorama culturale romano al passaggio tra gli anni Cinquanta e Sessanta. Un momento incredibilmente ricco e fecondo in cui, insieme alla riscoperta dell’eredità dada e surrealista, molti artisti si sono aperti alla conoscenza delle ricerche internazionali dell’informale, dell’action painting, del new

dada americano e, poco dopo, degli happening e delle performance. Gli studi all’Accademia d’arte con Toti Scialoja, la conoscenza dell’opera di Arshile Gorky, di Robert Motherwell, di Cy Twombly, di Robert Rauschenberg, la frequentazione di Alberto Burri e di Ettore Colla, de L’Attico di Fabio Sargentini, le improvvisazioni teatrali con Pino Pascali, con Simon Forti e con Deborah Hay, tutto questo ha sicuramente contribuito a radicare in Balzarro la consapevolezza dello stretto legame tra la vita e l’arte, il loro identico svolgersi in un tempo dato e il loro costante procedere tra conscio e inconscio, tra controllo e improvvisazione, tra ordine e caos”. 

 

Nel catalogo con il testo di Paola Bonani, vengono pubblicate, oltre le opere esposte, una selezione di opere dagli anni Sessanta ad oggi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                                 head, 2016